venerdì 22 luglio 2011

SCRITTO DA UN ALPINO DURANTE LA GUERRA.

"La grappa è come il mulo
non vanta antenati, non ha speranza di posteri,
ti scorre dentro a zig zag
come il mulo in montagna;
puoi aggrapparti a lei se sei stanco,
fartene scudo se sparano,
puoi parlarle che ti risponde,
piangere ed essere consolato
e se proprio hai deciso
di morire.......ti sorride".