martedì 13 dicembre 2011

ANAG: UN 2012 NEL NOME DELLA GRAPPA



Cena degli auguri a Daverio (Va), in vista della XII Settimana della Grappa



Di nuovo a tavola, questa volta non per un'impegnativa degustazione bensì per la tradizionale cena degli auguri, svoltasi a Daverio presso il ristorante Le Delizie.

Anag Varese e Anag Lombardia, le sezioni dell'Associazione Nazionale Assaggiatori Grappe numericamente più rappresentative sul territorio nazionale, sono tornate a riunirsi venerdì scorso, per fare un bilancio delle attività dell'ultimo anno e pianificare gli impegni per il 2012.

Dopo il successo dell'XI edizione della settimana della grappa, è già ora di pensare al futuro. "Mancano alcuni mesi, ma stiamo già organizzando la nuova edizione – spiegano Maurizio Fornaroli e Simone Furlani, della sezione provinciale di Anag – la settimana della grappa è un'iniziativa unica, in grado di coinvolgere produttori e assaggiatori da tutta Italia, ovviamente nel nome della grappa dunque del made in Italy".

Bere bene e soprattuttosenza mai esagerare. Questo l'obiettivo che anima l'associazione, che conta un migliaio di iscritti e oltre 5000 tra amici esimpatizzanti. "Le sezioni di Varese e della Lombardia – spiega il presidente regionale Ernesto Mantegazza - sono le più attive e numerose, le iniziative non mancano e per il 2012 ci saranno delle sorprese".

Negli ultimi anni, i produttori di grappa che hanno calcato le scene della settimana della grappa sono stati davvero tanti. Accanto alla grappa e ai distillati, Anag ha promosso le eccellenze enogastronomiche e artigiane del nostro Paese.

La grappa – spiega Simone Furlani, sommelier di Anag – è un prodotto di nicchia, ma la gente inizia ad apprezzarla, e cresce il numero degli appassionati anche tra i giovani e le donne".

Giovanni Marmina