lunedì 27 ottobre 2014

Una serata di tutto rispetto

DEGUSTAZIONE GRAPPA – DISTILLERIA PILZER

Tutto inizia da una idea di papà Vincenzo che nel 1956 decide di fondare una distilleria a Faver nel cuore della Valle di Cembra, conosciuta come valle di Distillatori più o meno regolari. Nel 1983..., Bruno, diede nuova spinta all'innovazione con coraggio rivoluzionario sia nella distilleria che nelle Grappe. Più tardi anche Ivano, con il suo carico di entusiasmo entra a far parte della squadra. Nel 2001 inaugurano la nuova sede a Portegnac, poco fuori Faver. Luogo silenzioso, che nasconde gelosamente una parte di storia della Valle di Cembra: antico luogo d'acqua e di spirito.
Con la presenza di Bruno Pilzer, questa serata è dedicata all’arte di un antico mestiere, alla passione e alla conoscenza che ci portano ad assaggiare preziosi distillati.

In degustazione:
acquavite di Albicocca
acquavite di Pere Williams

grappa di Traminer aromatico
grappa di Moscato giallo
grappa di Schiava

grappa Del Mé d'or invecchiata

Infine l’ultimo calice in degustazione sarà una sorpresa…

In abbinamento :
Formaggio Taleggio - Cioccolato bianco, cioccolato fondente 70% e 90%, crostata di frutta

Verrà inoltre offerto al termine della serata un assaggio di risotto alla zucca sfumato con la grappa di Moscato giallo

E’ necessaria la prenotazione

Info e prenotazioni al 0234690988 - info@alcolichealchimie.it
Altro...

martedì 21 ottobre 2014

Raggio di Sole

Tenuta San Giorgio - Cassina d'Agno (Ch)



Mi sono divertito con questo Sauvignon Bianco prodotto con uve provenienti in parte da un angolo del vigneto di Cassina d'Agno accarezzato dal primo raggio del sole in parte maturate ...in vigneti più giovani a Sessa. Vinificato ed affinato in barriques, è un vino bianco ben corposo, molto fruttato e con i profumi tipici del Sauvignon. Una acidità di tutto rispetto e chiude con un finale molto lungo. L' ho accompagnato con del pesce di lago, essendo sulla zona perfetta.
Probabilmente lo avrei gradito anche con un buon risotto, ma mi riprometto di riassaggiarlo alla prossima occasione.

lunedì 20 ottobre 2014

Acquavite di Barolo stravecchia - Distilleria Montanaro-




Una grappa molto limpida che si presenta con il tipico colore paglierino dovuto al lungo invecchiamento, al naso subito di alta intensità, presenta fini richiami ai profumi caratteristici del vitigno, una consistente presenza di sentori tannici. Alla bocca una buona finezza ed una spigolatura pungente e particolare senza però infastidire e sconvolgere l’armonia. Una presenza costante di liquirizia, prugne secche e viola appassita , una velatura di vaniglia e tabacco. Sul finale è la persistenza che domina con i ritorni di legni molto ben fusi con la tipicità del vitigno, lunghi appaiono i ricordi di cacao e un dolce miele. Buona e ben fatta. Una copertura alcolica a 45% di tutto rispetto. 

Ernesto Mantegazza

lunedì 13 ottobre 2014

Grappa di Moscato - Distilleria Gualco -


 

Ottima la brillantezza nel calice. Ha tutta la vivacità della grappa giovane di vinaccia vergine, la fermentazione effettuata per portare il prodotto alla distillazione permette di evolvere i profumi e di farli sprigionare con un'intensità ideale e ben amalgamati, compositi tra cui un piacevole sentore di salvia. Nell'insieme determinano una buona franchezza. Al primo sorso, leggerissima sensazione di bruciore che tende a regredire subito lasciando posto ad un ottimo equilibrio di dolce e di amaro; risulta fine e fragrante ma sopratutto molto persistente e, nonostante una impercettibile "sfumatura" che disturba ma in dissolvenza, lascia una gradevole nota di tipica sensazione retroolfattiva di salvia e rosa. Si presenta ottimamente con una gradazione di 42% ben supportati.

Ernesto Mantegazza

sabato 11 ottobre 2014

Grappa di Nebbiolo Riserva - distilleria Beccaris


Nel bicchiere, la brillantezza e il colore ambrato creano subito una certa attesa, mentre una piacevole sensazione di morbidezza e di profumi suadenti pervadono i sensi prima del tempo. Il tutto si conferma immediatamente lasciando emergere le note del legno e della vaniglia e si presentano sfumature diverse che evolvono mano a mano che il distillato respira. L'aroma è intenso ed i profumi sono certamente eleganti, non c'è nessuna aggressività al primo sentire. In bocca ritornano la morbidezza e la fragranza del legno ed il gusto è persistente, il ritorno di note di note dolciastre e profumate invitano ad un nuovo assaggio. la tipicità di un vitigno pregiato e l'invecchiamento conferiscono al prodotto qualità a tutto tondo.


Ernesto Mantegazza

giovedì 9 ottobre 2014

Un suggerimento


E' verissimo, siamo nel pieno della stagione enologica ed ovviamente in contemporanea i camini cominciano a fumare. Parlo dei camini delle distillerie che da sempre ci mostrano per poco tempo i loro pennacchi di vapori. Non sono fumi tossici come qualcuno vorrebbe farci credere. Se solo ci si ragionasse sopra, scopriremmo che ci sono dei profumi che si spargono nell'aria. Profumi di vinacce, di fiori e di frutta. Anche di sudore, se vogliamo, di chi ha lavorato sulla terra e sulle vigne lasciando e dimenticando tutti gli sforzi sopportati. Non dimentichiamoci di tutto ciò e andiamo ad onorare tutti i nostri giovani distillatori ma anche quelli che giovani non lo sono più, ma che ci hanno lasciato una storia importante da leggersi tra le degustazione della nostra amata Grappa. Andiamo a visitare le nostre distillerie.

Ernesto Mantegazza

mercoledì 8 ottobre 2014

Miali - Acquavite di mele - Dist. F.lli Rau


Un Acquavite giovane di mele Miali, tipiche e particolari della Sardegna.Nel calice si presenta limpida e cristallina. Al naso è immediata la percezione della finezza dei suoi profumi, in primo piano sentiamo subito inconfondibile la mela seguita da note floreali e speziate, un leggero e morbido sentore di mandorla. In bocca si apprezzano tutti gli stessi aromi del primo momento, una leggera aggressività di alcol riporta ai suoi 40%. Leggermente amarognolo il richiamo di mandorla con prevalenze speziate. Molto complessa al retroolfatto ma piacevolmente originale, sufficientemente armonica e persistente. Chiude l’assaggio un lungo ritornare di aromi eleganti e molto suadenti.


Ernesto Mantegazza