martedì 25 ottobre 2016

Festa Mondiale della Pasta.

Il 25 ottobre è il World Pasta Day, la giornata mondiale della pasta che si celebra dal 1998 ogni anno in un diverso paese del mondo. Dalla prima edizione a Napoli, la manifestazione è stata ospitata a Istanbul, a New York, a Buenos Aires, a Città del Messico e l’anno scorso ad Expo. Quest’anno la sede prescelta da AIDEPI (l’Associazione delle Industrie del dolce e della pasta presieduta da Paolo Barilla) è Mosca. Una decisione per nulla casuale visto che il legame tra la pas...ta e la Russia è molto forte ed antico: dai porti di Taganrog partivano un tempo le navi di grano dirette a Napoli e Imperia, capitali italiane della pasta nel diciannovesimo secolo, la Russia è il quinto produttore mondiale e lo scorso anno ne ha importato dall’Italia 29 mila tonnellate. Festeggiamo anche noi il simbolo della cucina italiana nel mondo
Da parte mia festeggio con un'ottima pasta cucinata con un freschissimo Tombarello pescato a Lavagna dall'amico Mattia.
Viva la pasta !

lunedì 24 ottobre 2016

Babà alla grappa



INGREDIENTI: per 6 persone

200 gr. farina bianca, 15 gr. di lievito di birra, 100 gr. di burro, 30 gr. di zucchero, un bicchiere di latte, tre uova, un pizzico di sale.

Per lo sciroppo:

100 gr. di zucchero 150 gr. di acqua, 150 gr. di Grappa Moscato invecchiata.


PREPARAZIONE:

Mettere in una terrina la farina a fontana aggiungere il lievito sciolto nel latte tiepido, le uova, che avrete precedentemente sbattuto a parte, il burro sciolto, lo zucchero e il sale. Lavorare l'impasto fin quando si sarà ottenuto una palla omogenea e liscia. Imburrare uno stampo col buco in mezzo e versarvi l'impasto. Lasciare riposare coperto da un tovagliolo, in luogo caldo per farlo lievitare, per circa un'ora (dovrà raddoppiare il suo volume). Cuocere in forno preriscaldato a 220° per 10 minuti e a 180° per altri 25 minuti. Preparate nel frattempo lo sciroppo: Mettete in un pentolino acqua e zucchero, lasciate bollire per circa cinque minuti e aggiungere all'ultimo la grappa. Sfornare il babà lasciarlo raffreddare e irrorarlo con lo sciroppo ottenuto , facendo in modo che ne resti ben imbevuto. Volendo possibile guarnire con panna montata o crema. Se però la grappa è di ottima qualità, non serve nessuna aggiunta.


giovedì 20 ottobre 2016

MALATRACCIA  - Brut Sauvage


Riflessi dorati in un buon giallo paglierino. Una bella complessità di profumi che sottolineano  aromi di delicati lieviti, una punta di fumè,  gentili spezie con un tocco di sfoglia di burro. La struttura è forse troppo imponente data dal vino di base molto, forse troppo, ricco.  Il dosaggio è ben calibrato molto bene come l'acidità e l'effervescenza.  Nel finale troviamo una invadente personalità. E' un Brut che possiamo collocarlo a tavola tra primi piatti a base di pesce o frutti di mare. In fondo una piacevole sorpresa.

mercoledì 19 ottobre 2016

Il Piripampolo

E' arrivato l'autunno e di conseguenza è tornato disponibile il Piripampolo. Per i vostri fine cena autunnali e invernali un buon Piripampolo caldo è l'ideale. Disponibile presso lo spaccio aziendale.

venerdì 14 ottobre 2016

Macelleria Crosetti




  Una storia lunga più di 100 anni


Nate nel 1909, le “Macellerie Crosetti” offrono da più di 100 anni ai loro clienti cortesia e qualità dei prodotti. Le carni in vendita sono tutte di propria macellazione e derivano da bestiame altamente selezionato. Crosetti Gian Pietro, il titolare, continua la tradizione dei nonni e dei genitori macellai, portando avanti l’attività con la moglie ed i figli e gestendo i due punti vendita a Crodo e Formazza. La passione pre il suo lavoro l’ha portato a costruire nel 1995 un nuovo macello modernamente attrezzato a norma CEE. Si è inoltre dedicato alla creazione di salumi tipici quali, in primis, la “Bresaola della val Formazza” delicata ma dal gusto intenso delle erbe di montagna, il prosciuttino, il lonzino, il filettino della val Formazza, la “Dindaola” bresaola di tacchino, “Lumberschpackt” lonza lardellata, le mocette di capra ed i violini di capra e pecora. Poi cacciatorini di maiale, cervo, capra, cavallo, camoscio e pecora, mortadelle di fegato, pancetta, lardi salati e aromatizzati alle erbe e lardo alle vinacce di “ca d’matè” (vino ossolano). Inotre e’ possibile trovare carni ovine e caprine derivati da allevamenti montani della valle Divedro e Formazza. Per tornare indietro nel tempo ed assaporare i gusti intensi di una volta, non si può salire in valle Antigorio e Formazza senza fermarsi alle “Macellerie Crosetti”.

Vitigni e Uve delle splendide colline Astigiane








giovedì 13 ottobre 2016

Vendemmia 2016: un'annata eccezionale per qualità e quantit




Dopo quasi 5 lunghe settimane ci stiamo avvicinando alla fine di questa strepitosa vendemmia. Atto conclusivo di un anno di duro lavoro e scelte, che si trasforma anche in un momento di festa e gioia per i risultati raggiunti.

Stanchi, ma soddisfatti siamo felici di annunciare che l’annata 2016 si riconferma una delle migliori degli ultimi anni anche grazie all'andamento climatico particolarmente favorevole.

Scampate le grandinate di Luglio, le temperature estive dei mesi di agosto e di settembre hanno agevolato la perfetta maturazione delle uve, che hanno raggiunto quest’anno picchi eccezionali – mentre l’alternanza a notti fresche ha consentito la corretta produzione degli zuccheri e delle sostanze coloranti e la loro fissazione durante il riposo notturno.

Un’annata che sarà sicuramente ricordata per un’esplosione di colori e profumi e per un’uva perfettamente sana e matura che darà origine a splendidi vini: ci aspettiamo vini bianchi fruttati e floreali, freschi e minerali e vini rossi corposi ed eleganti, da lungo affinamento.

Sperando di trasmettervi un po’ dei colori e dell’opulenza di questa fantastica annata, godetevi alcuni degli scatti più belli della vendemmia 2016!




CARLINDEPAOLO
Frazione Gorzano, 238/a - 14015 – San Damiano d’Asti (At)
Tel./Fax: +39.0141.983833
E-mail: info@carlindepaolo.com

martedì 11 ottobre 2016

Peperoncini piccanti ripieni

I peperoncini me li ha portati un amico dalla Calabria, sembrano veramente micidiali, chissà se cotti rimarranno così "forti". Puliamoli e mettiamo in pentola!
Sembrano pronti, stendiamoli a raffreddare ed asciugare
Adesso li riempio, prima un cappero poi un pezzetto di acciuga sott'olio e per finire tonno sbriciolato.
Ora li metto in vasetti per conservarli e farli maturare coperti di buon olio, ma di quello che si chiama olio.
Ho usato olio dell'Azienda Agricola Perseverantia di Aldo Salatino, le olive sono le dolci Rossanesi e pressate a freddo.
Aspettiamo un poco prima di assaggiare per capire cosa abbiamo fatto.


Pesto alla Genovese

Oggi è una giornata nella quale si può iniziare ad autoprodurre riempire la dispensa per l'inverno.
Abbiamo trovato uno splendido basilico ed allora via al pesto.

Iniziamo con il pulire e lavare molto bene le foglie strappandole dai gambi. Poi con tanta pazienza mettiamolo nel mortaio ed aggiungiamo aglio e pinoli.
Adesso iniziamo a "pestare" con voglia e tanto amore, anche se è faticoso e stancante.
Appena si giunge ad una crema fine e morbida, iniziamo a mettere l'olio. Ma quale olio ?
Io metto un prodotto che mi fornisce un caro amico,  ma di sicura bontà e genuinità.
Non è quello Ligure come dovrebbe essere, ma preferisco stare sulla qualità fidata. Con quello che si trova sul mercato oggi, vado sul sicuro. Poi vado a riempire i vasetti già ben puliti.
Fatti i primi otto poi invaso anche gli altri che attendono anch'essi per essere riempiti.
Chiusi ben stretti li ripongo nel congelatore in attesa di essere usati. La razione preparata è sempre per due. All'occorrenza se ne apre qualcuno in più.
Fate attenzione a non mettere subito pecorino o grana, potrebbero inacidire e rovinare il pesto. Evitare anche il sale, annerisce troppo il basilico, lo faremo al momento dell'uso.Aggiungere solo ad apertura del o dei vasetti. Diluire con un poco di acqua di cottura a proprio gradimento, condire e .............una bontà.  

domenica 2 ottobre 2016

Aiutiamo la ricerca





Aiutiamo la ricerca sul Cancro, adotta un Clementino di Corigliano, l'amico Clementino Salatino ti invierà un grande prodotto e nel contempo aiuteremo l'Airc. Facciamo un'opera buona e meritevole.